Amandla Production reinventa il Live

Amandla Production, società di Lucca che da anni lavora nel settore dello show business, sta portando tutta l’esperienza in live, acquisita durante i numerosi anni di attività, nei locali dell’Ex Cavallerizza di Lucca, trasformati in studi televisivi, gli Amandla Studios, ad alto tasso tecnologico.

L’idea di creare gli Amandla Studios è nata dall’esigenza di fare una diretta dello Spettacolo di Capodanno, che solitamente si svolgeva nella Piazza del Duomo di Lucca, su una rete televisiva locale e sulla piattaforma Youtube.

Lo studio può ospitare spettacoli di tutti i tipi, dai live a spettacoli di danza e teatro e può anche essere utilizzato come un recording studio essendo dotato di un sistema Avid completo di Pro Tools.
Molteplici sono stati gli eventi portati in scena fino ad oggi, tra i quali due video di Irene Grandi trasmessi su RAI 2.

Possessori di due sistemi Avid per il Live Sound: S6L-24C e S6L-24-D abbiamo fatto qualche domanda a David Lapini, titolare di Amandla Productions.

La piattaforma VENUE | S6L permette una naturale integrazione con Pro Tools, come avete sfruttato questa funzionalità?

L’integrazione con Pro Tools, dalla creazione della sessione al controllo remoto del transport e dei marker assegnati alle snapshot, ci ha permesso di risparmiare tempo sul lavoro di impostazione e concentrarci al massimo su riprese e mix degli show.

Il Virtual Sound check è una funzione estremamente utile, quanto tempo vi ha fatto risparmiare?

È fondamentale per la messa a punto di show impegnativi, soprattutto in situazioni dove l’artista o la band non fanno soundcheck o laddove si vogliano fare delle modifiche sui singoli suoni prima dell’arrivo dei musicisti, oppure in fase di allestimento di un tour.
Il virtual sound check con sorgente riprodotta da un laptop collegato con un semplice cavo di rete, è moto utile nel preparare il mix finale dopo una sola prova.

Quanto è semplice passare da una configurazione show ad un’altra?

Il sistema AVB permette la massima flessibilità ed enorme rapidità nel configurare macchine, reti e software con semplicità. È importante, in situazioni ibride, potere rapidamente richiamare la configurazione adatta al tipo di necessità del momento.

Come avete gestito una grande quantità di I/O e la latenza?

Eravamo già abituati al software Venue, venendo da una lunga storia con i Profile; gli ultimi aggiornamenti permettono una gestione accuratissima della latenza, adattando la piattaforma a qualsiasi tipo di applicazione, dal mix FOH ai monitor al broadcast.
Per quanto riguarda gli I/O, grazie alla rete AVB abbiamo avuto la possibilità di configurare i sistemi in base alle necessità dell’evento, riuscendo sempre ad averne a disposizione quanti e dove necessari.
Grazie ai layout customizzabili sulle superfici siamo in grado di avere sempre sottomano ciò che serve, che siano input, output, vca, comm o un mix di questi.

Per ulteriori informazioni e/o approfondimenti
www.amandlaproductions.com
www.audiosales.it